Emissioni in atmosfera

Un’emissione l’introduzione di una sostanza in qualunque stato di aggregazione (solido, liquido, aeriforme) introdotta nell’atmosfera che può causare inquinamento atmosferico.

Le norme nazionali di riferimento sono contenute nella parte V del D.Lgs. 152/06, che definisce i procedimenti di autorizzazione, valori di emissione, le prescrizioni, i metodi di campionamento e di analisi delle emissioni ed i criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite. I punti focali della disciplina sono l’impianto e lo stabilimento. “Impianto” è il dispositivo o il sistema o l’insieme di dispositivi o sistemi fisso e destinato a svolgere in modo autonomo una specifica attività, anche nell’ambito di un ciclo più ampio. “Stabilimento” è invece il complesso unitario e stabile, che si configura come un complessivo ciclo produttivo, sottoposto al potere decisionale di un unico gestore, in cui sono presenti uno o più impianti o sono effettuate una o più attività che producono emissioni attraverso, per esempio, dispositivi mobili, operazioni manuali, deposizioni e movimentazioni; si considera stabilimento anche il luogo adibito in modo stabile all’esercizio di una o più attività. Un impianto può comprendere più punti di emissione derivanti da diverse apparecchiature. Ad essere oggetto di autorizzazione è invece lo stabilimento produttivo.

Cosa fa l’Arta

L’Arta svolge le seguenti attività:

  • supporto tecnico alle amministrazioni nell’ambito dei procedimenti amministrativi finalizzati al rilascio di autorizzazioni;
  • controlli negli stabilimenti per la messa in esercizio degli impianti autorizzati, controlli che devono essere eseguiti entro 6 mesi dalla messa a regime di ogni impianto;
  • controlli sugli stabilimenti autorizzati;
  • controlli analitici sui punti di emissione;
  • supporto tecnico alla Regione per la predisposizione di documenti tecnici, direttive e linee guida.