Notizie Arta

Pescara 21/03/2019

Incendio discarica Carsoli: le analisi di Arta Abruzzo sull'aria confermano che l'emergenza è rientrata
Nell'immagine la mappa con la simulazione della ricaduta dei fumi dell'incendio sul territorio

La relazione tecnica di Arta Abruzzo sull’incendio che nella notte tra il 18 e il 19 marzo scorsi ha interessato una discarica abusiva in località Recocce di Carsoli (AQ) conferma che al momento del sopralluogo dei tecnici dell'Agenzia, intorno alle 9 del mattino, la situazione emergenziale per la qualità dell’aria era già conclusa.

In entrambi i campioni di aria prelevati, uno in prossimità del ristorante "Le Sequoie" e l’altro nella piazza del municipio di Carsoli, non si sono apprezzati inquinanti organici aerodispersi in concentrazioni superiori a quelle attribuibili al solo traffico veicolare. La concentrazione di benzene, composto organico normato dal decreto legislativo 155 del 2010, è risultata rispettivamente pari a 0,7 microgrammi per metro cubo nel campione prelevato davanti al Comune e 0,5 microgrammi per metro cubo nell’altro.

Il Distretto provinciale Arta di L’Aquila ha anche elaborato una simulazione della ricaduta dei fumi sviluppatisi con il rogo. Il sistema modellistico utilizzato è stato realizzato in collaborazione con il CETEMPS dell'Università degli Studi di L'Aquila. Ne emerge che la ricaduta dei fumi ha solo lambito l’abitato di Carsoli: il fatto che i fumi si siano diffusi prevalentemente durante le ore notturne ha ridotto notevolmente la possibile esposizione dei cittadini.

Nella relazione, trasmessa questa mattina al sindaco di Carsoli, alla Provincia di L'Aquila, alla Regione Abruzzo e ai Carabinieri Forestali di Pereto, si precisa che a causa della mancanza di un'idonea impermeabilizzazione del suolo, l'acqua utilizzata per spegnere le fiamme è stata assorbita dal terreno e non è stato possibile caratterizzarla.

Si sottolinea infine che "nella discarica sono tuttora presenti materiali di diversa natura (elettrodomestici, autoveicoli fuori uso, rottami, cassoni presumibilmente in cemento amianto, bombole di gas medicali, ecc.), tutti ammassati disordinatamente su nudo terreno privo di coperture e impermeabilizzazioni" ed è stata rilevata anche "la presenza di maiali tenuti ed alimentati all'aperto, fra i rifiuti e in condizioni incompatibili col benessere animale".

Pescara 21/03/2019

Allergie primaverili, la rete POLLnet di SNPA e l'andamento dei pollini in Abruzzo

E’ primavera! Ci attendono giornate lunghe all’aria aperta, baciati dal tiepido sole primaverile e inebriati dal profumo dei prati in fiore. Eppure l’arrivo della bella stagione non per tutti rappresenta un idillio. Specialmente nelle aree più urbanizzate, infatti, la compresenza di pollini e inquinanti può determinare un peggioramento generale dello stato di salute delle persone, sia adulti che bambini, che soffrono di patologie di tipo allergico. Insieme a scorte di fazzoletti, antistaminici e pomate, viene in loro aiuto POLLnet, la rete italiana di monitoraggio aerobiologico di SNPA, che si occupa del monitoraggio e dello studio della componente biologica del particolato aerodisperso presente in atmosfera con particolare attenzione a pollini e spore fungine.

Il rilevamento dei pollini e delle spore aerodiffusi viene effettuato in numerosi centri distribuiti sull'intero territorio nazionale: per ogni regione sono disponibili on line i bollettini settimanali con gli aggiornamenti e le previsioni sulle concentrazioni polliniche nell'aria relative alle singole stazioni di monitoraggio.

Anche Arta Abruzzo contribuisce alla rilevazione, con le stazioni di L’Aquila e Pescara.
Consulta i dati. Si informa che per problemi tecnici la stazione di monitoraggio di Pescara è momentaneamente fuori servizio.

A L’Aquila, invece, la stagione pollinica è iniziata un po' in ritardo a causa delle condizioni climatiche avverse. Sono stati rilevati pochissimi pollini di Corylaceae (nocciolo), una delle prime essenze arboree a fiorire. Da fine febbraio, con il graduale innalzamento delle temperature e il miglioramento delle condizioni climatiche, si sono registrati picchi di concentrazioni medio alte di Cupressaceae, Betulaceae e Ulmaceae. Cominciano a diffondersi pollini di Populus(Pioppo) e Fraxinus (Frassino). Rarissime spore di Alternaria.

Pescara 19/03/2019

Emergenze ambientali, Arta Abruzzo effettua i controlli dell'aria a seguito dell'incendio di una discarica abusiva a Carsoli
Immagine del rogo in località Recocce di Carsoli

Arta Abruzzo è intervenuta questa mattina in località Recocce di Carsoli, in provincia di L’Aquila, per gli accertamenti ambientali necessari a seguito di un vasto incendio che ha interessato dalla mezzanotte una discarica abusiva adiacente all’autostrada, da tempo sotto sequestro.

Allertati intorno alle 8 dal sindaco di Carsoli, Velia Nazzarro, i tecnici Carlo Bellina Agostinone e Francesco Benedetti del Distretto provinciale di L’Aquila hanno dapprima eseguito un sopralluogo per verificare lo stato dell’area, rilevando la presenza di una moltitudine di rifiuti di ogni tipo (elettrodomestici, veicoli fuori uso e rottami, pneumatici, cassoni in cemento amianto, ecc.), anche derivanti da attività di demolizione, ammassati sul terreno disordinatamente.

Autorizzati ad accedere al sito incendiato dai Carabinieri Forestali e dai Vigili del Fuoco, questi ultimi impegnati nello spegnimento degli ultimi focolai, i tecnici hanno poi misurato la concentrazione degli inquinanti aerodispersi con un analizzatore portatile, che produce dati istantanei, e hanno prelevato 2 campioni di aria, che verranno analizzati in giornata dal laboratorio del Distretto.

La situazione che emerge dai dati restituiti dall’analizzatore indica che la fase critica dell'evento e' ormai conclusa. L’impatto del rogo sulla qualità dell’aria si è verificato infatti durante la notte e nelle prime ore del mattino e ciò ha limitato l’esposizione della popolazione ai fumi dell’incendio. Al di fuori del perimetro della discarica non si registrano livelli anomali di inquinanti aerodispersi.

Attualmente l’incendio è domato e non emette più fumi.

Non appena disponibili, i risultati delle analisi in corso sui campioni di aria verranno trasmessi ai Comuni interessati e verranno prontamente diffusi tramite gli organi di informazione, il sito istituzionale e i canali ufficiali Facebook e Twitter dell'Agenzia.

Pescara 19/03/2019

Ecotossicologia, Arta collabora alla Linea Guida “Indicazioni per l’accreditamento del saggio di tossicità acuta con Daphnia magna”
Nell'immagine la copertina del volume Indicazioni per l’accreditamento del saggio di tossicità acuta con Daphnia magna

Il Distretto Provinciale di Pescara di Arta Abruzzo ha partecipato alla stesura della Linea Guida “Indicazioni per l’accreditamento del saggio di tossicità acuta con Daphnia magna” avvalendosi della competenza dei tecnici nel campo dell’ecotossicologia e della gestione qualità.

Il volume è disponibile solo in formato elettronico sul sito dell'Ispra, nella sezione "Pubblicazioni", sotto la voce "Manuali e linee guida".

Realizzato nell’ambito del protocollo d’intesa Ispra-Accredia, siglato tra i due enti per rafforzare i rapporti di collaborazione anche con le Agenzie Ambientali, il documento è basato sull’esperienza e il confronto degli operatori dei laboratori del SNPA che hanno già accreditato questa prova o hanno in programma di accreditarla e sul contributo degli ispettori di Accredia.

Scopo delle Linea Guida è quello di fornire indicazioni operative per condurre le diverse fasi della prova con Daphnia magna, uno tra i saggi ecotossicologici più utilizzati, in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 e alle prescrizioni Accredia, riportando i riferimenti espliciti ai requisiti che devono essere soddisfatti per l’accreditamento, seguiti da indicazioni ed esempi operativi.

Negli ultimi anni il ricorso ai saggi ecotossicologici come indicatori per valutare gli effetti dell’inquinamento su matrici ambientali è aumentato considerevolmente e il richiamo al loro impiego si ritrova in molte delle più recenti normative nazionali ed europee.

Pescara 15/03/2019

Incendio Città Sant'Angelo: dai dati della centralina fissa di Montesilvano non emergono significativi incrementi degli inquinanti monitorati
immagine contenente i grafici sui dati presi dal portale sira.artaabruzzo.it

Sono consultabili sul portale sira.artaabruzzo.it i dati sulla qualità dell'aria rilevati nell'intera giornata di ieri, 14 marzo 2019, dalla centralina fissa di Montesilvano, sita in Corso Umberto I all'altezza del centro commerciale "Cormorano", la più vicina (circa due chilometri in linea d'aria) al sito incendiato di quelle della rete regionale di monitoraggio.

Dai dati, validati questa mattina dal personale di Arta Abruzzo, si evince che non si sono verificati significativi incrementi delle concentrazioni degli inquinanti monitorati dalla stazione (polveri sottili PM10 e PM2.5, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene) rispetto ai valori mediamente rilevati nella stagione in corso. L'Indice di Qualità dell'Aria (IQA) per la centralina di Montesilvano riferito alla giornata di ieri risulta infatti "accettabile".

Sono in corso al laboratorio del Distretto provinciale di Pescara le analisi sui campioni di aria e acque di spegnimento prelevati ieri dai tecnici Arta sul luogo dell'incendio. Non appena disponibili, i risultati verranno trasmessi ai Comuni interessati, alla Asl di Pescara e tempestivamente diffusi.

Pescara 14/03/2019

Incendio Butterfly Farm: Arta ha campionato aria e acque di spegnimento, alcuni giorni per gli esiti analitici
Immagine del rogo a Montesilvano

Arta Abruzzo impegnata nella gestione dell'emergenza ambientale in corso a Città Sant'Angelo (Pe) a seguito di un incendio di vaste proporzioni divampato alle 14 di oggi all'interno della serra della "Butterfly Farm", museo naturalistico in via Aterno. Allertata dal sindaco Gabriele Florindi, l'Agenzia e’ sul posto dalle 15 con i tecnici Anna Giansante, Giuseppe Pierfelice e Carlo Colangeli della Sezione "Qualita’ dell’aria ed Emissioni in atmosfera" del Distretto provinciale di Chieti, coordinati dal dirigente Sebastiano Bianco. Li ha raggiunti poco dopo anche il direttore generale Francesco Chiavaroli. Sono stati prelevati 3 campioni di aria e anche acque di spegnimento. I campioni sono gia’ al laboratorio del Distretto provinciale di Pescara: per i risultati ci vorranno alcuni giorni. Ne daremo immediata comunicazione attraverso stampa, sito istituzionale e canali social Facebook e Twitter. Domani inoltre saranno disponibili sul nuovo portale della qualita’ dell’aria sira.artaabruzzo.it i valori registrati nelle ore successive al rogo dalle centraline fisse ubicate in prossimità del sito incendiato: la piu’ vicina e’ quella di Montesilvano.

Carta di Pescara
Ambiente Informa

Analisi acque di balneazione

Balneazione

Catasto elettromagnetico regionale

Link utili Elenco sorgenti
Pubblicazioni

Reporting

Tutti i documenti
prodotti da Arta

Pubblicazioni
WebGIS

Arta e territorio

Informazioni georeferenziate

WebGIS Arta
Caratterizzazione porto di Pescara

Porto Pescara

Caratterizzazione
dell'area portuale

Documenti
Sezione Regionale Catasto Rifiuti

Sezione Regionale Catasto Rifiuti

Vai